Fine delle risate…

Ogni tanto tocca sempre parlare di quest’uomo, nel mio caso succede spesso, il tutto rientra perfettamente nell’equazione a lui tanto cara:”Silvio Berlusconi o lo odi o lo ami”. Quello che mi chiedo sempre più spesso ultimamente è in quale paese vivano le persone che lo amano. Vi assicuro non è per le molotov contro i rom, per rete4, per l’immunità che ha dovuto donarsi per non finire in galera, per il continuo bombardamento di paranoie delle sue tv, per l’esercito in città, nemmeno per la notizia di oggi:riforma della giustizia, discrezionalità dell’azione penale. Inutile stupirsi per cose del genere quando al governo c’è mister b, per quanto riguarda la famosa discrezionalità non è nemmeno la prima volta che il tappo malefico ci prova.

Il fatto è che ormai troppe persone hanno dimenticato quanta importanza possa avere un informazione corretta nella vita di un paese, si è persa ogni memoria di quello che ha significato per l’italia il rincoglionimento di massa durante il ventennio fascista. Mister B non è più soltanto un affarista corrotto di craxiana ispirazione, stà lentamente cambiando forma, non credo di esagerare se dico che si sta componendo la più schifosa pagina di storia dal 1930 ad oggi. Ha colpito e distrutto la spina dorsale della democrazia riducendo l’informazione ad uno show politico condito con gossip. Intanto si prepara a demolire la giustizia, e visto che nessuno si ricorda più un cazz* si permette pure di citare Falcone. Ora come nel ventennio tutto si svolge nella più cupa indifferenza, non ha nemmeno bisogno del manganello, quello non serve più, oggi ci sono le televisioni. Mi chiedo quanto dovrà ancora tornare indietro questo sfortunato paese prima che i suoi abitanti si sveglino, forse al potere trasmesso in via ereditaria?…

Commenti: [ Trackback | RSS 2.0 ]

Lascia un commento »

(will not be published)

XHTML: Puoi usare queste tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>