Giù per il tubo!

Oggi vi parlerò di 4 cose che non c’entrano un tubo l’una con l’altra ma tant’è:

  • il tema “storico” del blog è finito nel cestino, mi ci ero affezionato ma era ora di cambiare spero vi piaccia
  • la Carlucci ha presentato un disegno di legge… ehi, non ridete mentre parlo cazz!!! Ok, i discografici hanno scritto una legge e l’hanno consegnata alla dolce Gabriella promettendole belle figure e tanto tanto risalto: “vedrai Gabriella, diventerai la paladina della guerra alla pedofilia, tutti ti adoreranno gioia! potrai partecipare addirittura all’estrazione di un’udienza privata dal santo padre!“… Peccato che il disegno di legge con la pedofilia non c’entri proprio nulla. Secondo me mascherare un incostituzionale bavaglio alla rete da misura antipedofilia è da stronzi (mi sto sforzando di essere educato), oltretutto se la signora Carlucci non è in grado di presentare autonomamente un disegno di legge (fare il suo lavoro) cosa ci fa in parlamento? Qualcosa mi dice che è meglio non approfondire…Carfagna docet?
  • una ragazzina viene stuprata in un parco, purtroppo i media sono nella stagione dello stupro (quella che viene dopo la stagione degli incidenti stradali, da non confondere assolutamene con quella delle rapine in villa). Fatti di questa gravità non dovrebbero nemmeno essere menzionati dalla stampa (almeno fino a indagini concluse), i motivi sono vari ma piuttosto semplici: la privacy della vittima, la tranquillità e la segretezza nella quale si dovrebbero svolgere le indagini delle forze dell’ordine, non ultimo il comune buon senso. Ebbene immaginatevi per un attimo quale pressione mediatica abbiano dovuto sopportare le forze dell’ordine: voi riuscireste a lavorare con il vostro consueto livello di professionalità in una situazione del genere? Certamente no, sicuramente correreste un maggior rischio di sbagliare, magari per la fretta di concludere vi trovereste a fare una cazza**.
  • Sta diventando consuetudine per alcuni blogger dipingere l’italico sistema radiotelevisivo come un fenomeno marginale ormai in declino, qualcosa che viene visto da pochi teledipendenti. Bhè è vero, la tv è un media in declino questo non si discute ma la situazione Italiana non è assolutamente da sottovalutare. Le persone che si informano ancora con lo scatolone gracchiante in Italia sono moltissime (spulciatevi i dati auditel e fatevi un idea), internet da noi non è ancora così diffusa come si potrebbe pensare. L’idea che milioni di connazionali continuino a prendere le informazioni da “cose” come Studio Aperto, Tg4, Tg5 e compagnia bella può spaventare parecchio lo so ma la situazione è questa, nascondere lo sporco sotto il tappeto non aiuta.

Commenti: [ Trackback | RSS 2.0 ]

  • BECA scrive:

    chissà cosa ci fa in parlamento la carlucci, mah.. chissà..

  • LA vYRTUOSA scrive:

    Infatti quella il Parlamento lo guarda comodamente dalla tv di casa :-/

    Per quanto riguarda la ragazzina stuprata, mi sembra che in questo, come anche in tutti i casi precedenti, la tanto inappellabile “Carta di Treviso” non venga mai presa in considerazione…
    La tv? E’ sempre il primo mezzo di informazione qui in Italia! Gioite tutti, vedremo ancora per molto facce di culo come quella della Parodi di “Cotto e mangiato”, che dalla “sua” casetta delle meraviglie ci metterà al corrente di tutte le notizie della giornata :-/

  • Marco Martinelli scrive:

    E’ arrivata li facendo pompini ai Parlamentari, rimane li facendo pompini ai parlamentari.

Lascia un commento »

(will not be published)

XHTML: Puoi usare queste tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>